venerdì 14 dicembre 2012

intervista incantata #1

Inauguriamo con Gioia Marchegiani le "interviste incantate"
ovvero, qualche domanda agli autori e agli illustratori che ci piacciono di più.

 Ci siamo innamorati a prima vista del suo ultimo libro "Iole la balena mangiaparole"
già dalla copertina, bianca e rossa con quell'occhio curioso che ci guarda.
Iole è una balena rossa che ascolta le poesie e le trasforma in bellissime storie.
Una storia di amicizia, di condivisione. 
Un libro profondo come il mare, leggero come una poesia, bello come una balena rossa.


Visto che Gioia è bella, brava e intelligente proprio come il suo libro, le abbiamo fatto qualche domanda:

Una balena rossa, il mare, la poesia: dove nasce l'ispirazione ?
Dal mio amore per il mare. Protagonista delle stagioni della mia vita. L'universo atteso, cercato, vissuto. Temuto per la parte di mistero che porta con se, nelle sue profondità buie, nei suoi personaggi silenziosi ma così unici e meravigliosi.  Come la balena, il gigante buono, oggi a rischio di estinzione a causa della stupidità umana. 
Volevo trovare un modo per avvicinare il bambino a questo universo segreto, lontano. Abbiamo solo da imparare dalla natura, e quello che Iole racconta non sono favole ma storie vere! C'e' bisogno di affidare alle parole, alla cultura e al cuore le nostre azioni. E questo lo si può (e lo si deve) fare anche da piccoli, con i propri mezzi, con le poche parole che si hanno a disposizione. Come farlo e per farlo diventare un bel gioco, ce lo ha insegnato Rodari, nella sua “Grammatica della fantasia”.

Con Semidicarta svolgi numerosi laboratori per bambini: questo influenza il tuo modo di essere illustratrice?
Quanto conta il rapporto con i bambini ?

Semidicarta, fondata nel 2009 con l'amica archeologa e scrittrice Cristiana Pezzetta, nasce anche dal desiderio di entrare in contatto con i bambini per conoscerli meglio e dare quindi sostanza a ciò che illustro per loro. Ma non mi pongo di fronte a loro come un'osservatrice scientifica piuttosto cerco di sentirmi una di loro e mi lascio contaminare dalla loro purezza e dalla loro spontaneità. Certamente nascono molte idee e progetti dall'incontro con i bambini ma quello che provo è soprattutto il desiderio di riuscire a regalare loro un'esperienza.
Per me il libro per bambini deve essere soprattutto un'esperienza.


Che tipo di bambina eri, c'è un libro che ti ha "cambiato la vita"?

Ero una bambina temeraria con i miei simili, timida con gli adulti. Mi piacevano la natura e  le storie vere sugli animali. “L'anello di re Salomone” di Konrad Lorenz, è stato il mio primo libro con la elle maiuscola, ma non mi ha cambiato la vita, non sono diventata etologa bensì un'illustratrice col pollice verde! 

La storia che vorresti illustrare, o la storia che vorresti aver scritto / disegnato tu.

Ce ne sono tante, ma oggi forse mi piacerebbe illustrare la fantasia di Italo Calvino.

La bellezza e la poesia possono cambiare il mondo. Vero ?

Purtroppo credo non possano bastare ma ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa!

Iole la balena mangiaparole, Gribaudo, 2012
albo illustrato
Consigliato: dai 4 anni in su


2 commenti: