venerdì 25 gennaio 2013

non dimentichiamo

In questi giorni a ridosso del Giorno della Memoria abbiamo riunito gli albi illustrati che trattano il tema della seconda guerra mondiale e della persecuzione degli ebrei.
Sono libri toccanti, dai toni delicati. Li riconoscerete da queste foto: c'è Roberto Innocenti con La storia di Erika e Rosa Bianca, c'è Fumo di Joanna Concejo e L'albero di Anna, di Maurizio Quarello.
C'è Il volo di Sara, Bruno, e tanti altri.

Oltre ai libri illustrati, moltissimi testi di narrativa ci aiutano a non dimenticare.
Un libro che ci è piaciuto per la sua intensità è La repubblica delle farfalle.

L'autore, Matteo Corradini, ebraista, si occupa della didattica presso il Museo Nazionale dell'Ebraismo italiano.
Il suo libro, uscito da un anno per Rizzoli, racconta una storia speciale.
La protagonista è Terezin, nella repubblica Ceca: la città fortezza edificata nel Settecento con bastioni, fossati, la perfezione geometrica delle opere militari prussiane. Venne trasformata dai nazisti in un enorme ghetto dove vissero decine di migliaia di ebrei e dove pochissimi poterono sopravvivere.
A Terezin un gruppo di ragazzi soli, affamati, separati dalle proprie famiglie e lontani dalle proprie case, trova il modo di lottare e tenere stretta la voglia di vivere.
Ogni venerdì sera, di nascosto, questo gruppo di ragazzi si riunisce davanti ad una candela e scrive una rivista.

Il giornale si chiama Vedem, "avanguardia" e racconta il ghetto: chi arriva, chi parte, notizie ma anche disegni fatti dai bambini più piccoli, o poesie. Un collage di emozioni si compone ogni settimana, sazia la fame di raccontare, lenisce il dolore.
La bellissima amicizia tra i giovani redattori di Vedem è uno dei temi cardine di questo libro.
Un altro tema, quello della Libertà e della sua negazione, passa attraverso i libri e la cultura. Vi riportiamo un breve brano. Il signor Utitz custodisce circa cinquantamila libri: una sorta di biblioteca creatasi con i libri sequestrati agli ebrei, e li presta ai ragazzi del ghetto.
Alcuni libri vengono dati alla biblioteca dai nazisti stessi.
..."è la solita storia: vogliono che stiamo buoni e pensano che un libro ci faccia stare tranquilli. Invece è il contrario.
Nei libri leggi di gente libera, e tu non lo sei. Ancora. Nei libri leggi di gente coraggiosa. E tu non lo sei, ancora. 
Nei libri leggi del paradiso, e a te sembra di vivere in una specie d'inferno. 
Il signor Utitz lo sa, così ci presta solo le storie che ci danno coraggio, che ci aiutano a sopravvivere; e non ci consiglia mai quelle tristi. Cosa ce ne faremmo? la tristezza è gratis, è lei che ci viene a trovare e non c'è nessun bisogno di andarla a cercare. In biblioteca, poi."

Questa è una storia vera. A Terezin sono conservate molte pagine di Vedem.
Questa è una storia triste e bella, come tutte le storie vere.

La repubblica delle farfalle, Rizzoli 2012
Pagine 280
Consigliato: dai 12 anni in su

Nessun commento:

Posta un commento