mercoledì 7 maggio 2014

l'isola delle balene

Tra le varie collaborazioni e iniziative con le scuole della città, questa che si è svolta ieri ci ha particolarmente colpito. La classe quinta C della scuola primaria di Borgo San Pietro ha letto, su nostra indicazione, il libro "L'isola delle balene" di Michael Morpurgo. Un romanzo di avventura e di amicizia, ambientato alle porte della prima guerra mondiale, con un personaggio, il Migratore, affascinante e misterioso. La classe ha letto il libro a poco a poco, guidata dalla loro insegnante Veronica Mesiano.
Ieri pomeriggio ho attraversato la città armata di questo gigante cartellone per raggiungere la scuola. Lo ammetto, ero un po' agitata: il libro sarà piaciuto ? I bambini avranno voglia di fare insieme il laboratorio ? Avevo con me anche delle sagome di balena, che ho poi appeso alla lavagna. Avevo cartoncini, appunti, varie copie del libro, non volevo dimenticare nulla. Sarei stata con loro per più di 2 ore !

In classe, la sorpresa. "Allora,  questo libro vi è piaciuto o no ?" SIIIIII !!!!! Un boato si è levato dai banchi. Tutti volevano dire qualcosa : "è bello perchè si chiama l'isola delle balene e per tutto il libro dici, ma dove sono le balene ?"  " e poi il migratore all'inizio faceva paura "  " rimani per tutto il libro sospeso, vuoi sapere come va a finire ! "
Non so se mi spiego, ma avevano addirittura preparato una ricerca sul narvalo, la balena di questo libro.
Così pieni di entusiasmo ci siamo messi al lavoro. A coppie hanno disegnato tutti i personaggi del libro, come li avevano immaginati durante la lettura. Il bello del leggere è proprio quella parte di immaginazione che ci coinvolge e ci permette di partecipare alla storia.
Terminati i personaggi, ognuno ha realizzato la propria balena. Abbiamo incollato tutto sul cartellone e il risultato ci ha sorpreso piacevolmente. Volete vedere anche voi il frutto di tanto lavoro ? Vi aspettiamo sabato 10 maggio alle 17, all'inaugurazione della mostra "Corpo di mille balene"




Nessun commento:

Posta un commento